Eye for an Eye – Edizione Italiana – Parte 5

PARTE 5

Tre giorni erano passati da quando Luke aveva ucciso Vito. Durante quel periodo di tempo Luke mantenne un basso profilo e non ebbe alcun contatto con la Famiglia e si comportò come se nulla fosse avvenuto. Il giorno seguente all’uccisione di Vito vi fu una breve annuncio alla Tv locale annunciando che possibilmente l’uccisione era dovuta ad una guerra tra bande locali di droga, ma al momento la Polizia non era in possesso di prove sicure. Luke si sentì rassicurato che il proprio alibi al Trocadero reggesse bene. Il locale, quando avvenne il fatto era talmente affollato che nessuno aveva notato la sua assenza. I patroni del luogo avrebbero confermato che lui non si era mosso dal Club per tutta la notte.

~*~                            

Luke in quei giorni, fece le cose usuali scambiando conversazioni con le solite persone che come lui trascorrevano le loro serate al Trocadero. Luke pensò che era giunto il momento di pensare per il suo futuro.

Durante i pomeriggi, tempo in cui vi erano pochi visitatori al Club, Luke prese tempo e seduto al piano, mentre componeva nuove canzoni. Una di queste era una canzone d’amore e di speranza nel futuro. Era una dolce melodica canzone che certamente sarebbe stata gradita dal pubblico con un facile ritornello da ricordare. Aveva composto quella canzone pensando a Rossana e pensava che lei fosse la cantante a presentarla al pubblico. Luke ricordava come Rossana fosse sempre stata, sin dai tempi passati, dolce, nei momenti che era con lui, molto tempo prima che Lola entrasse nella sua vita.

Luke, quel pomeriggio, attendeva l’arrivo di Rossana. Aveva scritto per lei i versi della canzone, e sperava che Rossana avrebbe compreso che il messaggio della canzone, il lancinante e disperato grido d’amore e la sua speranza di ritrovare l’amata, era il suo messaggio per lei dopo che la sua vita era stata rovinata dal destino.

Furono assieme per l’intero pomeriggio e a Rossana piacque la canzone e assieme solfeggiarono il motivo sino a che raggiunse una completa sintonia. Poi si sedettero, con un cappuccino in fronte a loro.

“Presenterò questa canzone al mio pubblico al prossimo fine settimana.” Rossana disse. “Desidero che tu sia il solista seduto al piano. L’essere assieme creerà nuova popolarità per te, Luke, mio dolce amico. Ti ringrazio di avermi dedicato la tua nuova canzone.”

“Rossana, sappi che sei importante nella mia vita. Ho commesso uno sbaglio quando sposai Lola. Avrei dovuto allora chiedere la tua mano. Fosti tu ad introdurmi a tua sorella allora, ricordi?”

“Con Lola è sempre stata la solita storia, sin dai giorni che si era ancora a scuola ha sempre rubato tutti i miei corteggiatori. Ha sempre avuto una gioia perversa nel fare ciò, per il solo piacere di vedermi piangere.”

“Credo che alla fine sono venuto a conoscere la vera Lola.” Rispose Luke.

“Successe come sempre. Quando la prima volta parlai di te a Lola e dissi che mi piacevi, ti portò via da me in un baleno e seppellì i miei sogni. Poi entro due mesi tu sposasti Lola, così dovetti rintanarmi in un angolo e piansi    lacrime amare. Lola è mia sorella ma sono disgustata di lei per tutto quello che mi ha sempre fatto. È null’altro che una donna senza ritegni. Quella sgualdrina non ha mai abbastanza uomini per soddisfare tutta la sua libidine in atti sessuali.”

“Hai ragione su quanto dici. Personalmente ho recentemente constatato quale sia grande la sua passione sessuale. Alcune notti orsono mi rinfacciò che io non sono uomo abbastanza per soddisfare i suoi appetiti. Come vedi ha usato pure me pur di soddisfare i suoi infimi istinti. Non cambierà mai.”

“Sì Luke. Non perse tempo, quando fosti incarcerato, entro una settimana andò a vivere con Garrone, unicamente per amore del suo denaro e il suo prestigio sociale.”

“Un giorno aggiornerò con Garrone tutti i debiti che sono ancora aperti.”

“Luke, è meglio dimenticare. È ricco e può pagare nuovamente un contratto per averti fuori dai piedi, nello stesso modo come fece prima, unicamente per avere Lola tra le sue braccia.”

“Quanto dici Rosanna può esser vero e molto presto andrò a scoprirlo e pagherò con lui tutti i conti in sospeso. Sento che quel giorno sarà un giorno abbastanza interessante.”

“Non devi agire stupidamente Luke, Ti ho perso ormai una volta, non voglio perderti nuovamente.”

“Hei Rossana, sei libera il prossimo sabato? Sarà mio nipote Salvo decimo compleanno. I festeggiamenti saranno Al Calabria Club, Ti piacerebbe essere con me per l’occasione?”

“Si Luke, sarà un piacere essere con te. Spero d’ora in poi potremo essere assieme più spesso.”

~*~

Luke era seduto al banco del Trocadero quando un gentile tocco sopra la spalla lo fece voltare. Era Michael con il suo usuale largo sorriso sulle labbra. “Guardi molto meglio dell’ultima volta che ti vidi. L’aria della libertà ha fatto miracoli, Luke.”

“Vero quanto dici. Sono di nuovo parte della vita del Trocadero, Michael. Per mia fortuna qui musica e luci inondanti non mancano in tutta la notte e nessuno mi obbliga a dormire se non lo desidero.”

“Ti meriti una nuova vita dopo tutto. Ma dimmi hai pensato cosa fare nel futuro? Se sei interessato di guadagnare soldi facili come corriere assieme a me fammelo spere. Un posto vacante esiste sempre per te.”

“Quel lavoro non fa per me, Michael. Non appartengo alla Famiglia dei Liotta, sono un Caruso e certamente non sarei ben accetto.”

“Vero, siamo cugini ma sediamo sul lato opposto della siepe. Siamo cugini ma siamo meglio che fratelli e nessuno può separarci.”

“Sin da ragazzi le nostre madri ci hanno insegnato di aiutarci sempre e da sempre abbiamo condiviso tutto tra noi. Ma dimmi Michael dove sei scomparso per una intera settimana? Non ti ho visto in tutto quel tempo.”

“Ero in Melbourne per alcuni trasporti di mercanzia, Erbe pregiate che ho raccolto in Griffith per poi portarle ai loro destinatari in Melbourne. Come ben sai gli italiani sono sempre pronti a diversificare i loro raccolti per un buon guadagno.”

“Ti auguro buona fortuna. In quel tipo di lavoro ne hai bisogno di molta.”

“Sì, ma ricordati ho ricevuto dieci grosse banconote per solo tre giorni spesi sulla strada… Ma devo darti una notizia importante che ho appreso in Melbourne, e così pure dalla mia famiglia al mio ritorno. Qualcuno ha nuovamente posto un grosso Contratto sopra la tua testa. Sono in ballo un bel po’ di soldi e molto presto qualcuno raccoglierà quel contratto profittevole.”

“Sai dirmi chi è colui che ha aperto il Contratto?”

“So solo che vive in Melbourne. Appena conosco il suo nome te lo faccio sapere, meglio che te ne vai lontano per un po’ di tempo e lasci le cose raffreddarsi da sole.”

~*~     

Fine parte 5

Published by carlogabbiwriter

Italian born, and living in Australia. I'm writing for the past 15 years in both Italian and English language. I pubblished my first book in USA and it's available with Amazon. I also wrote several long stories which are grouped under the name "A song of Love" and several other works available in my blog in Rosso Venexiano.

One thought on “Eye for an Eye – Edizione Italiana – Parte 5

  1. Proseguono, senza tregua, gli avvicendamenti di Luke, e le sue connessioni con la Famiglia…
    Sempre bello leggerti, Carlo, buona domenica, silvia

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: