Eye for an Eye – Italian Version – Part 8 – Conclusion

Parte 8 – Conclusione

Luke, giunto a casa, trovò un messaggio sul suo registratore telefonico da parte di Michael che diceva “Ho notizie per te. Vieni da me così che possiamo discuterle al più presto.”

“Cosa mai Michael vuole discutere?” Luke pensò “Forse sa chi a messo un contratto sopra di me. Lo porterò a cena al Bistro Siciliano, poco lontano da dove Michael abita. Dopo cena, con una buona bottiglia di vino in fronte a noi, potrà svelarmi tutti i segreti.”

La cena fu ottima con delicate polpette di riso e carne cucinane nel modo tradizionale siciliano ben accompagnato da una bottiglia di vino rosso Shiraz proveniente dall’Hunter Valley. A questo punto stava attendendo le rivelazioni da parte di Michael riguardo al Contratto posto su di lui.

Dopo che il cameriere ebbe rimosso tutte le stoviglie dal loro tavolo, Michael decise che era tempo di dire quanto più desiderava.

“Ho sentito che sei stato alquanto fortunato la scorsa domenica, Luke e sono spiacente per quanto è accaduto al povero Salvo. Finalmente ho ricevuto le notizie riguardo gli assalitori. Qualcuno, che è in quel giro di affari, mi ha confidato che colui che ha pagato per il contratto è Garrone, e the Black Angels, il Moto-mob sono gli esecutori del Contratto e vogliono perpetrare la tua uccisione.”

“Sospettavo di Garrone, sebbene non veda chiara la ragione di ciò, Michael. Ha ormai Lola e deve saper bene che non ho più alcun desiderio di lei. Tutto è finito tra noi, dopo che venne a casa mia per aver sesso con me e la ho ripudiata.”

“Sembra che tu non conosca bene la mentalità di certe donne, Luke. Donne sono imprevedibili. Mai saprai cosa veramente intendano fare pur di non sentirsi umiliate. Ti ripeto non devi mai credere a cosa dicano o fanno. Distorcere la verità è per loro parte della loro natura e sputano menzogne facilmente, come far scorrere i grani del rosario. Scommetto che ha inventato una bella storia per essere creduta dal suo Garrone.”

“Si, credo hai ragione su quel punto, Michael. Desidero poter scambiare alcune parole con questo Garrone e chiarificare alcuni punti su questa faccenda.”

“Questo è appunto il motivo per cui ti ho chiamato, Luke, per darti la possibilità di finalizzare il tutto con lui. Tardi stasera devo incontrare qualcuno in Bondi per una consegna di mercanzia, e desidero che tu venga con me, come spalla, in caso vi sia bisogno.”

“Dovresti ben sapere Michael che non ho alcun desiderio di essere parte come Mulo nel recapitare droghe. Non sono interessato in quel tipo di affari anche se attualmente sono squattrinato.”

“So bene come la pensi, Luke ma lasciami finire quanto veramente volevo dire, prima di giungere ad una affrettata conclusione. La persona che devo incontrare in Bondi fa tutta la differenza nella tua scelta finale. Credo questo è quanto veramente importi.”

“Ok, dimmi tutto allora.”

“Pensa quanto fortunato sei, Luke. Il nostro incontro sarà con il nostro Maso Garrone.”

“Grazie del pensiero, Michael, ma non pensi che la mia presenza possa danneggiare il tuo prossimo giro di affari con lui?”

“Non veramente. La famiglia ha alcuni sospetti sopra di lui riguardo le sue vere intenzioni con un ordine iniziale così grosso. La famiglia ha investigato ed appare che mai prima di ora ha venduto droghe. Sospettano che dietro di lui si nasconda qualcun altro e le mie istruzioni sono chiare, devo cercare di sapere cosa si nasconde al di dietro. Questo è il motivo che ho bisogno di una spalla, giusto in caso vi sia bisogno, per proteggermi. Ho subito pensato a te, sapendo che desideri confrontarlo e aggiornare la tua posizione con lui. Assieme potremo proteggerci l’un l’altro, in caso di bisogno. Naturalmente questa è totalmente la tua decisione, ma devo saperlo perché se non vieni, devo chiedere aiuto alla mia Famiglia.”

“Ok Michael, mi hai convinto. Vi sono rischi, ma li devo accettare se voglio giungere ad una conclusione con Garrone.”

“Bene, sono contento che tu abbia accettato la mia proposta. Avrò una rivoltella per te, giusto in caso. Andrò a prendere quanto abbisogno di consegnare a Garrone e poi andremo al suo appartamento in Bondi per la consegna.”

~*~

Giunsero in Bondi al tempo stabilito. La costruzione fronteggiava la spiaggia e luci incandescenti illuminavano la Promenade. Gente, sebbene la tarda ora, ancora affollava il luogo. La serata era calda e calma e nella semioscurità, sulla spiaggia. si intravvedevano alcune coppie, avvolte nei loro teli, e intente ad amoreggiare.

Michael aveva con sé una valigetta che racchiudeva la Coke che avrebbe scambiato per un’altra ricolma di dollari come pagamento.

Camminarono sveltamente al fronte del Condominio, dove Michael suonò il campanello dovuto. Parlò brevemente nell’Intercom, introducendo sé stesso e il portone si aprì.

Nella Hall del primo piano una voce indicò loro la via per giungere alla porta voluta, “Entrate nel mentre preparo una bevanda per me.”

Un uomo di mezza età e con un corpo ancora atletico era al bar. Era scalzo unicamente in pantaloni corti con un T shirt al di sopra. La stanza appariva confortevole e elegante, con poltrone in pelle nera. Il bar, all’estremità della sala era ricolmo con bicchieri in cristallo di varie misure e diverse bottiglie di liquori erano esposte sopra scaffali, illuminati da diversi neon colorati. Il bar terminava con una porta semiaperta sopra un corridoio scuro, creando in questo modo l’illusione che l’ospite fosse l’unico nell’appartamento, ma ugualmente Michael rimase guardingo.

Garrone ritornò ai suoi ospiti, portando con sé un largo bicchiere riempito con cubi di ghiaccio e scotch e sedette su una poltrona in fronte a loro.

“Suppongo che avete con voi la merce.”  Domandò ai nuovi arrivati.

“Sì, Mr. Garrone, e suppongo che lei abbia pronto in contanti il pagamento stipulato.” Michael rispose. “Possiamo scambiarci le nostre valigette e concludere così il motivo del nostro incontro.”

Lo scambio avvenne sopra il bancone del bar e controllato quanto era stabilito prima di dare l’approvazione dello scambio.

“Conti sopra noi con fiducia nel futuro, Mr. Garrone. Saprà di certo che siamo i migliori sul mercato locale.”

Fu allora che Luke prese la parola, “Ho il piacere di introdurmi, e spero che non la sorprenda troppo, Mr. Garrone. Sono Luke Caruso, Le ricorda qualchecosa questo nome? Apparentemente qualche cosa in comune ci unisce, vero?”

Garrone guardò Luke, mentre il suo viso sbiancava.

Vi sono diverse cose che dobbiamo chiarificare tra noi, e tra queste è pure Lola.” Luke continuò.

“Bene, uhm, sì. Mi ha veramente sorpreso. Non mi aspettavo ciò stasera. Ammetto che ho ascoltato troppo Lola nel passato. Ammetto che ho preso decisioni sbagliate in merito. Well, uhm… Se conosce bene Lola mi può comprendere, Luke… Il tutto non e` mai venuto da parte mia…”

“Ok, allora Mr. Garrone, Mi dica pure il perché la dovrei ringraziare. Esistono tre lunghi anni di vita che io ho perso, rinchiuso ingiustamente in una cella. Non è forse vero che tutto ciò è dovuto alla sua benevolenza per me? È questo parte delle sue preoccupazioni nel mio riguardo? Ero innocente, mio caro Mr. Garrone, Ho avuto molto tempo, tre lunghi anni di pensare a tutto ciò, pensare a colui che mi aveva deprivato di una moglie e di continuare a godere della bella vita che avevo. Devo dirle ora del modo in cui pensavo di fare per sistemare il mio debito con tale persona al momento in cui avrei riacquistato la mia libertà? No? Perché lei ha abbastanza immaginazione per capire tutto ciò? Ho quindi il dovere ora di ringraziarla per quanto ha saputo darmi, Mr. Garrone, del modo in cui. Lei e Lola hanno fatto naufragare nel breve periodo di in giorno, tutti i miei sogni per il futuro?”

“Luke, deve sapere che io fui solamente in parte responsabile di tutto ciò. Fu lei a manipolare tutto quanto dietro le quinte. E lei è pure colei che vuole apparire di fronte la gente la persona più innocente che possa esistere. Mi dica Luke, quanto bene conosce Lola?”

“Bene, domanda per domanda allora, mi dica quindi Mr. Garrone, perché mai allora ha posto un nuovo Contratto sopra di me? Non fu quindi abbastanza di uccidere mio fratello? Mi dia pure il motivo per cui fu necessario ferire gravemente mio nipote Salvo? Perché mai ha fatto tutto ciò? Le dico chiaramente ora, una per tutte, che potrà pure riuscire ad uccidermi, ma poi la mia Famiglia mi vendicherà e le farà pagare caramente per tutto. In un modo o nell’altro, si può ormai considerare una persona morta, Mr. Garrone. La sua vita ha i giorni contati.”

“Non ho nulla a che fare con l’ultimo Contratto. È stato fatto da qualcun altro.”

“Agisca da uomo, e non come un codardo, Mr. Garrone. Esistono evidenze che puntano unicamente sopra lei. È tutto ciò unicamente perché vuole Lola? È lei l’unica donna esistente? Per quanto mi riguarda può avere quella sgualdrina sino al suo ultimo giorno di vita.”

“Onestamente mi creda, Luke. Il contratto è stato pagato da lei. I suoi sogni sono unicamente di ricchezze e di splendore. Così pure la Coke che avete portato con voi stasera è sua. Deve sapere Luke quanto Lola sia vendicativa, con quel Contratto voleva punirla perché ha rifiutato le sue richieste sessuali. Non lo sa quanto vendicativa e`? le ho detto prima, lei non conosce la vera Lola.”

Fu a quel punto che Lola apparve dal corridoio, seminuda, solamente indossando mutandine e reggipetto, Era furiosa. Era rimasta nascosta nell’oscurità per tutto il tempo ad ascoltare il discorso tra i due uomini. Nella mano aveva una pistola e il suo sguardo era quello di un’omicida. Finalmente svelava la su vera personalità, con il felino sguardo che era rimasto nascosto sino allora. Guardò nella direzione di Garrone e sputò verso di lui, “Mi hai tradito, Garrone. Senza misericordia mi hai venduto stasera, e senza avere il mio consenso. Devi ora pagare per tutto ciò.”

Lola puntò la pistola verso di lui e sparò. Il proiettile lo colpì mortalmente penetrando nel fegato. Garrone cadde pesantemente riverso nella sua poltrona. Con difficoltà spinse la mano dietro i cuscini della poltrona, dove aveva prima nascosto la sua pistola.

Alzò il braccio e ciecamente scaricò i sei proiettili del caricatore. Lola fu colpita e cadde riversa sopra il pavimento, era stata colpita da ben cinque colpi, ma era ancora conscia.

Rantolava raucamente, “Bastardo…”

Ebbe abbastanza energia per sparare altri tre colpi nella direzione di Garrone. Un rantolo finale uscì dalla sua gola. Dopo di che nessuno avrebbe potuto salvare la sua vita.

Inaspettatamente tutto era giunto all’atto finale.

Luke e Michael non avevano ora nessun’altra alternativa che dileguarsi prima che la polizia giungesse sul luogo, sebbene non vi fossero prove che li incriminasse.

Mentre uscivano una voce fievole li fermò,

“Luke aiutami, abbi misericordia di me…”

“Non posso Lola, da te stessa hai creato il tuo destino. Hai voluto troppo e purtroppo finisci con niente. Ma sì, posso accontentarti in una cosa, hai sognato il potere con la Coke..? To aiuterò con quella.

Frettolosamente Luke andò l banco del bar e tolse un sacchetto contenete la polvere bianca della coke. Forò un buco e ritornò verso Lola.

“Lola assaggia quanto dolce è la gloria che proviene da questa polvere. Ora è tutta tua.”

La polvere bianca che usci dal sacchetto, cosparse rapidamente il suo corpo mescolandosi con il sangue delle ferite e la sua saliva. Si udì un rantolo finale prima che spirasse.

Silenziosamente Luke e Michael lasciarono l’appartamento.

Tutto era finito. Debiti e Contratti erano giunti ad una finale conclusione.

F I N E  

Published by carlogabbiwriter

Italian born, and living in Australia. I'm writing for the past 15 years in both Italian and English language. I pubblished my first book in USA and it's available with Amazon. I also wrote several long stories which are grouped under the name "A song of Love" and several other works available in my blog in Rosso Venexiano.

One thought on “Eye for an Eye – Italian Version – Part 8 – Conclusion

  1. Proseguono le avventure di Luke e Garrone, nell’ambito dei loschi affari della Famiglia
    Cari saluti, Carlo,silvia

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: